Dietro a Bolivia’s everyday water war

Esta entrada también está disponible en: Spagnolo, Inglese, Tedesco

A luglio abbiamo deciso di rivelare il volto di uno dei nostri protagonisti, Marcela, che ci guiderà per le strade in cui scoppiò la Guerra dell’Acqua. Bolivia’s everyday water war non è però solo la sua storia: è un racconto collettivo, dove gli sforzi, le sofferenze e le vittorie dei tre protagonisti si alternano alle vite e alle idee di più di altri venti intervistati. Il nostro scopo principale era di dipingere un quadro il più possibile esaustivo, dato che esercitare il diritto umano all’acqua è una sfida insidiosa e per nulla scontata.

Ci sono però alcuni volti che non compariranno nel documentario: quelli di chi ha passato eterne notti insonni per cercare di mettere tutti i pezzi insieme. Le mani che dondolano la culla. Gli autori di Bolivia’s everyday water war.

Michele Bertelli (@MikeBertelli) è giornalista e videomaker freelance. Suoi articoli e video reportage sono stati pubblicati da Al Jazeera, El País, Der Spiegel, Die Zeit, Vice e Repubblica TV e Linkiesta. Si interessa di storie non convenzionali, migranti e sviluppo economico e negli ultimi due anni si è occupato di webdocumentari e formati video per il web. Vive a Roma, dove produce report per i canali della Camera dei deputati, ma ascolta ancora musica rumorosa e tiene lo zaino a portata di mano.

Felix Lill (@FelixLill) è un giornalista freelance tedesco che si è trasferito da Londra a Tokyo dopo le Olimpiadi del 2012. Ora si divide tra Berlino e il Giappone, scrivendo per Die Zeit, Die Presse, Der Spiegel, Neue Zürcher Zeitung, Taggespiegel, Zeit Online e altre testate. Si occupa di economia, politica, sport, e di come queste cose si influenzino tra loro. Ha vinto il Premio Austriaco per il giornalismo sportivo nel 2010, nel 2011 e nel 2012.

Javier Sauras (@jsauras) è un giornalista e fotografo nomade che negli ultimi cinque anni  ha vagato tra l’Asia e l’America Latina. Ha scritto di Giappone, delle Filippine, della Spagna, della Cina, del Regno Unito e della Bolivia. Oggi risiede a New York, ma è ancora sulla strada.

Tweet about this on TwitterShare on FacebookGoogle+Email to someone

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *