Il making-of di #MigrantsFiles / Video

15 febbraio 2016 | Posted in Le rotte | By

In questo video una spiegazione di una decina di minuti di tutto il processo di lavoro che ci ha portati alla pubblicazione di #MigrantsFiles. Il video è stato estrapolato dal webinar di Parlez-vous Global, dedicato al tema dell’immigrazione e organizzato da ONG2.0 che mi ha invitato a partecipare e ringrazio 🙂

Read More...

Le politiche europee spingono i migranti sulle rotte più pericolose

31 marzo 2014 | Posted in Le rotte | By

Scrivono Peter Grensund e Daniele Grasso su El Confidencial di oggi:

Analizzando questi dati, che sono disponibili sul sito del progetto “The Migrants Files”, e confrontandoli con quelli dell’Agenzia Europea Frontex, è evidente come le politiche di chiusura delle frontiere messe in atto per cercare di diminuire gli ingressi di immigrati clandestini aumentano a loro volta la possibilità di questi muoiono nel tentativo di raggiungere la “Fortezza Europa” – Leer más: Ante el cierre de fronteras, los inmigrantes se vuelcan hacia rutas más peligrosas – Noticias de Mundo – http://bit.ly/1hbAgWb

L’analisi delle rotte più utilizzate dai flussi migratori attraverso il Mediterraneo sono ben visibili su questa mappa, anche se i testi sono in svedese (è in lavorazione una versione in inglese).

Screenshot 2014-03-26 21.54.53 (2)

Copyright Sydsvenskan

L’agenzia Frontex è stata istituita nel 2004 e fornisce i dati sui flussi migratori, concentrandosi però sugli ingressi, non tanto sulle vittime. Ebbene, queste attività di controllo via mare da parte di Frontex stanno facendo sì che i migranti scelgano sempre più spesso le rotte meno sicure, ma più libere, facendo aumentare di fatto la mortalità dei viaggi: più di 23 mila morti e dispersi dal 2000, con mortalità che varia tra il 2 e il 6% a seconda delle zone di mare.

C’è un piccolo particolare: se Frontex tiene conto dei flussi e degli ingressi (solo tentati o riusciti che siano) sulle rotte che controlla, ma non raccoglie alcun dato sulle vittime complessive, ecco che la sua attività sembra di sicuro successo… lavandosene completamente le mani del prezzo altissimo che queste politiche europee stanno facendo pagare a chi tenta comunque la via più pericolosa, e ne viene inghiottito. Letteralmente.

Read More...