Archives

Signora, che contratto

Sulla coppia Conte-Tavecchio preferisco non esprimermi. Di sicuro non rappresentano il calcio che mi piace. Ho trovato, però, curioso questo articolo del Corriere del Veneto a Giulia Mancini, la manager che ha curato il contratto del nuovo ct della Nazionale.

Dell’intervista mi piace segnalare questo passaggio:

Il calcio è un mondo maschilista, è mai stata discriminata in quanto donna?
«Quando ero un dirigente della Juve entrarono in crisi quando dovevano disegnarmi la divisa: la facciamo con i pantaloni o la gonna? Pantaloni, ho detto io, nessun problema. C’è discriminazione ma se una donna fa bene il suo lavoro i grandi dirigenti la valorizzano. All’inizio è dura dimostrarlo. Anche Tavecchio ha dimostrato di essere aperto: ha capito che, se perdeva il treno di Conte, sarebbe stata dura rilanciare il brand nazionale».